22 settembre 2012

Botricello. Le case "impopolari" di Via Nazionale

La mappa delle case popolari di via Nazionale a Botricello. 
Gli spazi intorno agli alloggi dovrebbero essere al servizio di tutti gli assegnatari. 

Tra l’Aterp (agenzia territoriale per l’edilizia residenziale pubblica) e il Comune vige uno stretto rapporto di controllo delle abitazioni assegnate ai cittadini in difficoltà economiche. L’Agenzia realizza, il Comune, grazie ai vigili e agli organi di governo locale, gestisce e amministra.  Non è il caso di Botricello. Le case assegnate ai “lavoratori agricoli” nel 1992 sono soggette solo al fai da te. 
È da quasi vent’anni che i beneficiari recintano e chiudono le parti comuni. Costruiscono e alzano. I vigili lo sanno. Sono loro che fanno i sopralluoghi. Verbalizzano e demandano. Gli amministratori pure. Sono loro che dovrebbero sciogliere il bandolo della matassa. L’Aterp, da parte sua, ha proposto l’unica cosa sensata in questa incredibile vicenda raggiunta da denunce a iosa. Un bel tavolo insieme a tutti gli assegnatari. Ma l’hanno lasciata morire lì. E, ultimamente dal Comune hanno buttato anche la spugna. Il sindaco, Giovanni Camastra, pare abbia fatto spallucce all’ennesima richiesta di dare seguito alle ordinanze di demolizione delle opere negli spazi che dovrebbero servire come parco giochi o luoghi di svago per tutti.
Salvatore Baldone, figlio della legittima intestataria di un alloggio, non ce la fa più. Anche a lui è pervenuta l’ordinanza di demolizione. Come agli altri. Ma ora si trova nelle condizioni di non riuscire ad ottemperare per la mancanza di spazi. Il marciapiede, che di norma dovrebbe liberamente circondare i fabbricati, è occluso.  Chiede solo giustizia. Per sé e per gli altri.
A Botricello il bene privato è più sentito del pubblico. E la libertà personale spesso fa a cazzotti con la democrazia.

Cancello sul marciapiede comune. Non si passa. 

Nessun commento:

COPYRIGHT

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.