4 ottobre 2012

I rifiuti di Catanzaro "profumano"

La fila dei camion contenenti rifiuti di provincia 

“La discarica di Alli è di Catanzaro”. Del capoluogo calabrese. Di nessun altro. Sergio Abramo, il sindaco, è categorico. Se poi il percolato va a finire nel sottostante fiume Alli, tra i comuni di Catanzaro e Simeri Crichi, che scorre fino al mar Ionio, che è di tutti – anzi di nessuno - beh, questo è un altro discorso.
Prove generali di grande politica in Calabria, di politica con la P maiuscola, a favore dei migliori. In questi giorni di forte tensione per lo sciopero dei dipendenti Daneco, si scopre che i rifiuti dei cittadini catanzaresi profumano e hanno la precedenza, a differenza di quelli prodotti nelle case degli sfortunati provinciali. Aimeri, dunque, la società di smaltimento del capoluogo, ha una corsia preferenziale per scaricare. E deve essere così. Per accertarsi di tale privilegio il primo cittadino vi si è recato personalmente.
Gli operatori della raccolta dei paesi di provincia sono costretti ad aspettare giorni e giorni il proprio turno. Lì sotto il sole cocente e accompagnati dal lezzo devastante della monnezza. I più furbi vi abbandonano il rimorchio e con la motrice se ne ritornano a casa. Scene di ordinaria follia. Senza un minimo di coordinamento delle Amministrazioni locali. Tiriolo, per esempio, a due passi da Pianopoli, viene a scaricare ad Alli, una volta trattati poi ritornano sulla strada dei Due Mari. Soverato idem. E così tanti altri paesi. Salvo Catanzaro. Abramo ci tiene alla pulizia della sua città. Ma soprattutto aspetta i finanziamenti del Cipe. Il suo sogno, infatti, è una bella biomassa vicino alla centrale dell’Edison, con la distanza di sicurezza dai suoi concittadini, chiaramente. 

Nessun commento:

COPYRIGHT

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.