18 maggio 2013

L'immobile confiscato agli Arena. Cui prodest?

L'immobile, immortalato da Google Maps, durante i lavori nel 2008

Si allungano i tempi per la conversione dell’immobile confiscato al clan Arena, sito nel territorio di Sellia Marina, in presidio sanitario. Dopo l’inaugurazione in pompa magna avvenuta il 28 gennaio scorso alla presenza del sindaco e del vicesindaco, Giuseppe Amelio e Walter Placida, del comandante dei carabinieri della locale stazione, Giuseppe Romeo, e dirigenti dell’Azienda sanitaria provinciale, Antonio Montuoro e Francesco Francavilla, nessun servizio è stato attivato, tra i tanti promessi. In particolare, la postazione del 118 e la Guardia medica si trovano a tutt’oggi in affitto nei locali del Grande ufficiale dei Cavalieri di Gran Croce, Giuseppe Procopio. Mentre per il famigerato Centro prelievi, punto di forza dell’ultima campagna elettorale da parte dell’allora maggioranza consiliare, ancora nulla sotto il sole.
I rumors della burocrazia sanitaria provinciale non sono molto intonati. Vi sarebbero problemi inerenti al trasporto dei prelievi. Problemi di sicurezza e di corretta conservazione dei campioni. Mentre altri sostengono che il vero bandolo della matassa sarebbe nel fatto che qualcuno - il solito ignoto - non vuole il trasferimento dell’ambulanza e del medico. Non vuole e si sta battendo con tutte le sue forze perché ciò non avvenga. D’altro canto, invece, il sindaco e tutto il Consiglio non sanno più a che santo appellarsi perché l’iter si compia, soprattutto in considerazione delle prossime consultazioni elettorali.
In tutta questa vicenda, vecchia di 20 anni - dalla confisca al riscatto della terra contro la criminalità organizzata – c’è solo un dato certo e inequivocabile. I 500 mila euro che la Regione Calabria ha destinato al Comune per i lavori. Ultimati e convalidati una mattina di qualche mese fa. Per il resto si proliferano le calende greche.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

manca solo la delibera degli Arena e del grande ufficiale illustrissimo reverendo eccellenza cavaliere G.P.
perciò....massimo 35/40 anni e potremmo donare il sangue in questo immobile...sempre se ce ne rimane di sangue!

antonio ha detto...

che fine hanno fatto quei 500 mila euro dati al comune?
quando faranno il trasloco chiameranno la banda musicale e qualche politico di turno.

Anonimo ha detto...

Finchè il Cavaliere non darà il benestare, nulla verrà attivato in questo palazzo...
E mica gli vorrete levare l'affitto, è 'na bella misata ppè stu "benefattore"

Anonimo ha detto...

Vado fuori tema, ma non so dove scriverlo.
Complimenti a chi ha avuto la "felice idea" di fare la serata principale della festa patronale selliese di venerdì e non di sabato come al solito !
Ma credete che tutti stiano a casa il sabato mattina?
E non venite a chiedere soldi con offerte o biglietti della lotteria ! Visto che avete pensate così geniali, troverete anche un modo per finanziare la festa.
Ancora bravi aicari soliti quattro gatti del Comitato Festa (che poi, spiegatemi il senso di chiamarlo così, visto che sembra più che altro un club riservato a pochi intimi).
Bravi ancora a tutti quelli che hanno spostato la serata principale, il prossimo anno, magari, fatela di lunedì con inizio a mezzogiorno.

COPYRIGHT

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.