24 aprile 2013

Belcastro nelle memorie di Rodolfo Piterà

La copertina delle memorie di Rodolfo Piterà 


Con il pennello in mano o davanti alla macchina da scrivere. La camicia e la cravatta, ombreggiate dal fumo delle sigarette, gli davano qualcosa di solenne. Erano le due forme d’arte che lo elevavano dalle faccende quotidiane (ne coltivava anche un’altra, la musica). L’una fatta di colori e linee, l’altra di parole e suoni. Immerso sulla tela o sul foglio bianco non perdeva mai il senso del tempo, scandito dai colpi di una tosse perenne. Un’immagine che dall’età di sei anni mi è rimasta impressa fino al suo ultimo respiro. Era il giorno di ferragosto del 1986.
Ventisette anni dopo, agosto 2012, la scoperta delle sue memorie. Ed è qui e adesso che ho avuto finalmente la possibilità di vedere oltre. Il candore della camicia bianca ha assunto una ricchezza di colori inesauribile. E anche i battiti della macchina da scrivere hanno iniziato a suonare. Una melodia di ricordi e di riflessioni che uniscono felicemente un cuore passionale orientato alla verità e una mente aperta al presente, alla storia e al futuro.  
Il libro è suddiviso in tre parti. La prima sulla storia di Belcastro. E comprende anche gli usi e i costumi della comunità fino al 1984, data di stesura delle sue memorie. La seconda verte sulla storia della musica, cioè la gloriosa banda musicale fondata a Belcastro nel 1929 e poi sciolta per causa di forza maggiore nel giro di qualche anno. L’ultima è una piccola raccolta di elogi funebri che ha tenuto il giorno delle esequie.
La storia di Belcastro è un excursus sulla città e sulle vicende principali. Fin dalla fondazione. Un posto di rilievo occupa l’evento più importante: la nascita di San Tommaso d’Aquino. Per l’occorrenza enuclea una serie di prove che di per sé rappresentano una piccola Summa, al pari della filosofia dell’Aquinate. A seguire i personaggi illustri che hanno avuto i natali a Belcastro. Gli ultimi paragrafi li dedica alle usanze antiche. Qui, il linguaggio pomposo, dettato dalla narrazione fredda e apparentemente distaccata dei fatti storici, acquisisce una vena ironica sorprendente e uno spirito critico nuovo. Un Piterà genuino, quasi comico.
La storia della musica è un racconto storico prezioso. Nessuno, prima di lui, ha mai scritto notizie in merito a questa gloriosa pagina della comunità di Belcastro in pieno biennio fascista. La vicenda, per come impostata, è qualcosa di unicum. Rodolfo Piterà fa nomi e cognomi di quelli che contribuirono in modo determinante a farla nascere e poi morire. Analizza le cause e le colpe. E trae le conclusioni. Una testimonianza straordinaria.
Il capitolo sui discorsi, infine, ci restituisce un Piterà privato, addolorato per la perdita degli amici. Anche qui, nonostante la sofferenza, non abbandona la fiducia nella forza delle parole. Elegiaco quello scritto per il suo compagno d’infanzia, Alfredo Marzano. 


Disponibile, tra le altre, nelle seguenti librerie:

- Edicola di "Lamanna Teresa"
via Oberdan 22,
Belcastro (CZ)
Tel.: 0961.932218

- Edicola di "Rosetta Colosimo"
Piazza Matteotti, 4
Cropani Marina (CZ)
Tel.: 0961.961145

- Cartolibreria di Luciana Maida
via Nazionale 223, 225
Botricello (CZ)
Tel.:  0961 96 74 84

- Libreria Ubik Catanzaro
Via del Progresso
Catanzaro Lido (CZ)
Tel.: 0961.34213

- Libreria di Bendetto Sestito "L'isola del tesoro"
Via Francesco Crispi
Catanzaro (CZ)
Tel.: 0961.725118


1 commento:

nadia ha detto...

complimenti Emilio e con questo è il tuo secondo libro, continua a scrivere perchè lo fai molto bene, siamo in attesa di riceverlo perchè lo abbiamo ordinato online.

COPYRIGHT

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.